Home L'opinione DOBBIAMO ANCORA CREDERE IN UNO SPORT PULITO?
DOBBIAMO ANCORA CREDERE IN UNO SPORT PULITO? PDF Stampa E-mail
Venerdì 16 Marzo 2012 17:05

calcio-scommesse-2Trecento giovani dell'Istituto Salesiano PIO XI di Roma si interrogano, in modo schietto e diretto, così come sanno far loro, sull'attuale situazione dello sport, il calcio in particolare. Plaude il Presidente del CONI, Gianni Petrucci, che definisce l'evento «un'occasione di approfondimento legata a una tematica di grande attualità».

Insieme ai loro docenti, Diego Bartoli e Fabrizio Tosti, hanno organizzato per lunedì prossimo, 19 marzo, un convegno tanto attuale nel titolo, «Sport & legalità: l'etica nello sport», quanto provocatorio nel sottotitolo: «Dobbiamo ancora credere in uno sport pulito?».

«La domanda è tutt'altro che retorica», dice don Claudio Belfiore, presidente dei Salesiani per lo sport. «Oltre ad appellarsi ai valori di una sana cultura sportiva, senza i quali lo sport medesimo è come un pallone bucato, tanto affascinante nelle sue promesse quanto deludente al confronto con la realtà, la domanda di questi giovani manifesta l'amarezza e fors'anche la rabbia per un bel gioco rovinato dall'avidità e dalla bramosia di guadagno».

In accordo con il Direttore salesiano del PIO XI, don Karim Madjidi, i docenti hanno coinvolto i ragazzi e le ragazze del Centro di Formazione Professionale in un percorso di studio e confronto per fornire ai giovani degli esempi positivi di vita e per presentare i valori della giustizia e della legalità in ambito sportivo. Una scelta che il presidente Petrucci ha definito «una solida base per veicolare quell'immagine dello sport vicina alle nostre istanze e fedele ai concetti di legalità e rigore, fattori imprescindibili per arrivare a tagliare traguardi di prestigio».

Al convegno, che si terrà nell'Istituto Salesiano nella mattinata del 19 marzo, parteciperanno volti noti del calcio italiano: il dott. Ernesto Alicicco (ex medico sportivo AS Roma), i calciatori Luigi Di Biagio, Giovanni Galli, Angelo Di Livio e Claudio Bellucci, e il giornalista sportivo Francesco Oddi. Sostengono l'iniziativa il rappresentante del Panathlon International, Pietro Pallini, e il presidente del CNOS SPORT, don Claudio Belfiore.

 
SEO by Artio