Home L'opinione MARATONA DI BOSTON: LETTERINA DEL PICCOLO MARTIN ALL’UMANITA'
MARATONA DI BOSTON: LETTERINA DEL PICCOLO MARTIN ALL’UMANITA' PDF Stampa E-mail
Venerdì 19 Aprile 2013 15:31

MARTIN-BostonCiao! Sono Martin. Martin chi? Ma Martin Richard, il bambino della maratona di Boston!

Ora sono Qua, in Alto, dove non mi vedete, ma dove so di restare bambino in eterno, se lo voglio, senza che nessuno possa impedirmelo. E sono Qua, in Alto, dove, pur essendo ancora piccolo, mi è tutto chiaro, senza bisogno di domande per mamma e papà.

Certo che, quando sono sceso fra voi, accidenti... pensavo di tenervi compagnia un pochino di più! Otto anni... Solo 8 anni... Però, che ne dite? Forse, per come stanno andando le cose, mi sono perso poi un granché? Mah...

Io ci ho provato a dare il mio contributo! Nessun uomo può cambiare, da solo, il "grande mondo". Tutti, però, possono cambiare, da soli, il loro "piccolo mondo" individuale. Anche sbagliando, e cadendo, ma sempre con il desiderio di rialzarsi, come chiede Gesù, che ci perdona.

E il mio contributo era quel cartello: "Basta fare male alla gente, pace!". Ne ero orgoglioso, sapete? Era la prima volta, in cui mi sentivo importante non, unicamente, per mamma e papà, ma pure per gli altri. Ho detto la prima volta. Non sapevo che sarebbe stata l'ultima.

Ma ora, Quassù, sono felice, perché so quanto è stato buono il Creatore nel non imporci nulla, e lasciarci liberi di diventare ciò che vogliamo. E nella libertà, inevitabilmente, puoi incrociare chi, disprezzando la propria vita, disprezza quella degli altri.

So che giù, da voi, è difficile accettarlo. Anche io piangevo, quando un amichetto mi portava via un giocattolo. Quando perdevo qualcosa, che sentivo mio.

Ma Quassù tutto è mio, e "mio" è "tutti". Non si litiga più. Qui è Gioia Assoluta. Avete presente l'esultanza straripante di papà, nel tagliare il traguardo della maratona, e magari vincere, mentre vincono anche tutti gli altri?

Ecco: io mi sento così sempre! E un miliardo di un miliardo di volte ancora di più! Vi auguro di capire che dovete lottare, ogni giorno della vostra vita, per questo traguardo. Credetemi: ne vale la pena!

SEGUITEMI NEL NESTI CHANNEL: http://www.carlonesti.it.

 
SEO by Artio