Home Sport e fraternità La parrocchia: palestra educativa
La parrocchia: palestra educativa PDF Stampa E-mail

 

Diversi Autori hanno evocato le esperienze sportive, aperte soprattutto a giovani e adolescenti, fruttuose non solo al momento della loro fruizione, anche al fine di iniziare futuri volontari, allenatori e anche atleti. Abbiamo chiesto a D. Mario Pieracci, incaricato Regionale del Lazio per il “Tempo Libero, Turismo e Sport”, quali le caratteristiche di questo tipo di attività pastorale.

La parrocchia è un naturale luogo di aggregazione per tutte le età, le condizioni sociali, le lingue, ed anche, oggi, per le varie religioni. La parrocchia è il naturale luogo della amicizia, della gioia e della crescita integrale di ogni persona.

Pensata così la parrocchia, manifesta anche il giusto volto dello sport e la sua giusta collocazione: non, quindi, la utilizzazione di spazi o impianti sportivi perché non ve ne sono altri nelle vicinanze, non perché costa di meno o addirittura non si paga nulla per giocare, non perché con quello che succede per la strada o in luoghi che non conosciamo, è meglio mandarli dai “preti”, ma perché in quegli spazi si respira uno stile, un’aria ed un modello completamente nuovi e diametralmente opposti alla mentalità dello stesso mondo sportivo.

Infatti è considerato un perdente, colui che accetta la sconfitta, anzi ne è felice e si complimenta spontaneamente con l’altro per la sua bravura e vittoria; è reputato un fuori dalla realtà colui che accetta di fare volontariato allenando, curando ed istruendo un gruppo di piccoli, principianti atleti che non diventeranno mai famosi; sbalordisce ed è considerato anormale chi si astiene dal pronunciare parolacce,  insulti, bestemmie o gesti immorali durante una partita.  E’ insomma, una vera rarità chi si comporta seguendo gli elementari principi di educazione e di umanità.

La parrocchia, quindi – e lo stesso sport in Parrocchia – aiutano a crescere, a vivere in società, a rispettare le regole del gioco della stessa vita ed infine a riconoscere la bellezza del creato, le capacità sempre nuove del proprio corpo ed a lodarne, di conseguenza, il Creatore.

Chi pratica il vero sport, non può fare a meno di ritrovarsi in Dio creatore e Signore del creato. Egli lo riconosce come tale e sa che la forza del suo corpo, sa che l’energia che promana, sono un Suo dono, e il suo applicarsi e il suo vincere sono un modo di dare lode e rendere giustizia al Creatore, mentre con la sua lealtà rende visibile quella immagine di Dio che porta in sé: in parrocchia lo sport diventa VERO, proprio perché ha un’anima, perché ha dei valori attribuiti da questo riferimento programmatico a Dio, e quando c’è Dio nasce inevitabilmente la fraternità.

Dove manca tutto ciò, subentra o l’interesse economico, o la voglia di strafare artificialmente, o si è anche prigionieri del desiderio di essere i primi a tutti i costi, anche immeritatamente ed illegalmente.

Ecco dunque delineato il valore educativo dello sport in Parrocchia: Sport di valori, sport di sentimenti, sport di amicizia, sport di fraternità universale, sport di principi d’eternità, sport accompagnato mano nella mano, da DIO stesso.

 

Mario Pieracci
tratto da www.conoscereperessere.it

 
SEO by Artio